Alessi attacca i bianchi. "Il Savoia non vuole vincere sul campo"
Il patron dei siciliani ha annunciato un Esposto alla Procura Federale

 

Torre Annunziata - L'Akragas calcio interrompe parzialmente il silenzio stampa e lo fa nel peggiore dei modi ossia sputando veleno sul Savoia Calcio nel corso di una conferenza stampa indetta dal Presidente Alessi che, tra le altre cose, si è lasciato andare a tanto dure quanto grauite parole nei confronti del club torese.

Il patron dei siciliani, infatti, ha dichiarato di aver inoltrato un esposto alla Procura Federale perché, a suo avviso (e riportiamo a seguire le sue dichiarazioni) "Francesco Scarpa esulta ogni domenica mostrando una maglietta che inneggia a Lazzaro Luce, nonostante i suoi problemi legali". Alessi ha poi aggiunto che il Savoia "non vuole vicnere sul campo, ma a suon di esposti" dimenticando che è proprio sul campo che i bianchi hanno battuto la sua Akragas per ben tre reti a zero, all'andata, per poi uscire indenni dall'Esseneto al ritorno, nonostante le pressioni di un match caricato all'inverosimile e che la sua squadra non è riuscita a segnare neanche una rete al Savoia nei 180 minuti. 

Il riferimento di Alessi è chiaro. Nel 2009, infatti, il suo predecessore Gioacchino Sferrazza, fu squalificato per cinque anni per aver dedicato la vittoria a Nicola Ribisi, un mafioso, già condannato.

Ben diversa è la posizione di Lazzaro Luce che non ha ricevuto alcuna condanna e quindi grazie al principio di "presunzione d'innocenza" è considerato "non colpevole" sino ad un'eventuale condanna definitiva ovvero sino all'esito del terzo grado di giudizio emesso dalla Corte Suprema di Cassazione.


(Nello Sorrentino)

 
CONSIGLIA O LASCIA UN COMMENTO
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi