Ischia-Savoia 2-0: prestazione vergognosa dei bianchi
Dura contestazione dei tifosi a fine gara

 

ISCHIA (NA) – Il Savoia le prende anche ad Ischia. Con un secco 2-0 gli isolani battono meritatamente i bianchi grazie ad una doppietta di Infantino nella ripresa. Terza sconfitta consecutiva per gli uomini di Papagni che dopo Lecce e Barletta soccombono anche contro gli isclani al termine di una prestazione vergognosa in cui Scarpa e compagni non hanno mai tirato nello specchio della porta difesa da Mennella; gravissime, inoltre, le responsabilità in occasione dei due gol del numero nove ischitano da parte della difesa in maglia bianca che, specie in occasione del raddoppio, sembra quasi voler favorire l’attaccante avversario. Non è bastata l’importanza del match, crocevia fondamentale per le residue speranze di salvezza diretta, a caricare i calciatori torresi dopo la tribolata settimana vissuta a Torre caratterizzata dal mancato pagamento degli stipendi da parte della proprietà. A fine gara dura contestazione dei settanta supporter torresi presenti al Mazzella, con Scarpa in prima linea ad assumersi responsabilità non sue.

LA PARTITA – Papagni conferma il 3-4-3 e fa esordire Vosnakidis che farà rimpiangere non poco Rinaldi, mandato via troppo in fretta nel mercato di ‘riparazione’. Nelle fila dei bianchi si rivede Mercadante, in attacco tridente “forzato” Scarpa-Leonetti-Partipilo.

Nella prima frazione non accade praticamente nulla di interessante eccezion fatta per due potenziali occasioni, una per parte, con protagonisti, Partipilo per il Savoia e Infantino per l’Ischia. Il gioco del Savoia è come al solito amorfo, inconcludente: il solo Scarpa, che in diverse occasioni prova a dare brio alla manovra, non basta e le squadre vanno al riposo sul risultato di 0-0.

In apertura di ripresa l’Ischia passa. Minuto quattordici, punizione dal limite di Gerevini, Gragnaniello smanaccia ma non trova collaborazione nella difesa che si fa anticipare da Infantino il cui sinistro è vincente. Reazione Savoia? Macché. L’Ischia continua a macinare gioco, i bianchi restano a ‘guardare’ e a nulla serviranno anche i ritocchi in corsa di Papagni con l’inserimento di Boilini e D’Appolonia. Al 38’, anzi, i padroni di casa raddoppiano ma il merito è tutto del Savoia: lancio innocuo dalle retrovie dell’Ischia, Vosnakidis e Riccio, però, si ‘impappinano’ e regalano la palla ad Infantino che ringrazia e batte Gragnaniello.

LA CONTESTAZIONE – A fine gara i calciatori del Savoia si recano sotto il settore occupato dai propri supporter e a testa bassa ‘incassano’ la contestazione. Lecito manifestare il proprio dissenso per la terza sconfitta consecutiva in un momento topico della stagione ma, probabilmente, le maggiori responsabilità di quest’annata disastrosa sono da ricercare altrove. Anche i tifosi torresi che non hanno seguito la squadra in trasferta hanno espresso il proprio malumore sui social network: c’è chi chiede la ‘testa’ di Manca, chi la consegna del titolo sportivo al sindaco, chi la primavera in campo nel prossimo match. Insomma si prospetta un’altra settimana difficile a Piazzale Gargiulo alla vigilia di un doppio turno casalingo contro Salernitana e Foggia.

LA CLASSIFICA – Il Savoia viene scavalcato anche dall’Ischia e resta fermo a quota 20 punti a +5 dall’Aversa Normanna, fanalino di coda ma con una gara in meno. Davanti vincono Cosenza e Lupa Roma, la salvezza diretta è ancora -5 in attesa dei risultati di domani. 


(Redazione)

 
CONSIGLIA O LASCIA UN COMMENTO
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi