Melfi-Savoia 2-2: segnali di ripresa
Decisivo Scarpa, autore di una doppietta su rigore

 

MELFI – Un ottimo punto quello conquistato al “Valerio” di Melfi da un Savoia coriaceo, più forte, stavolta, della sfortuna e degli errori arbitrali , capace di rimontare ben due volte i locali, nonostante l’inferiorità numerica per l’espulsione di Sevieri al 26’pt. Decisivo, manco a dirlo, il capitano, Francesco Scarpa che, grazie alle trasformazioni dei due calci di rigore concessi ai bianchi, e ad una prova superlativa ha guidato il ‘suo’ Savoia alla conquista di un punto che vale oro vista la settimana tribolata vissuta a Piazzale Gargiulo tra partenze, litigi e cambio allenatore. Sicuramente è presto per fare bilanci, resta però la buona prestazione e l’ottimo punto conquistato che, quantomeno, faranno morale per il prosieguo della stagione.

FORMAZIONE OBBLIGATA – Non aveva molte scelte il nuovo tecnico Papagni che in settimana, in conferenza stampa, aveva ‘profeticamente’ immaginato un risultato positivo a Melfi: con pochissimi calciatori a disposizione, e la necessità di ‘pescare' dalla Beretti per ‘chiudere’ la lista dei convocati, il nuovo tecnico conferma Gragnaniello tra i pali, in difesa ci sono Cremaschi, Checcucci, Sirigu e Verruschi; a centrocampo Gargiulo, Sevieri e Giordani dietro al tridente composto da Scarpa, Di Piazza e Sanseverino.

ARBITRO PROTAGONISTA – Il Savoia dimostra fin dalle prime battute di non voler regalare nulla a nessuno. I bianchi, supportati da un centinaio di tifosi, tengono bene il campo, appaiono vogliosi e decisi a dare del filo da torcere agli avversari. E ci riescono, almeno fino a quando l’arbitro non sale in cattedra e decide di rovinargli i piani. Al 24’, infatti, il giudice di gara vede un fallo di Verruschi su Caturano e concede al Melfi la massima punizione: sul dischetto va lo stesso Caturano che insacca. Lo show sig. Vesprini di Macerata prosegue due minuti dopo, con l’espulsione di Sevieri per proteste, dopo un fallo su Fella. La doppia decisione innervosisce i calciatori in maglia bianca che al 27’ perdono anche Di Piazza, costretto ad uscire per infortunio, sostituito da Cipriani.

LA REAZIONE DEI BIANCHI – Dopo il nervosismo susseguito agli errori arbitrali, il Savoia si ricompatta e al 35’ trova il pari grazie ad un calcio di rigore concesso per un fallo di Colella su Cremaschi, ottimamente imbeccato da Cipriani: sul dischetto va Francesco Scarpa, che non sbaglia. Il Savoia potrebbe anche passare se Cipriani, servito da Sevieri, a tu per tu con Perina non si facesse anticipare dal ritorno di Demarku.

SECONDO TEMPO – Dopo un inizio scoppiettante, con un’occasione da una parte e dall’altra, non sfruttate, rispettivamente, da Sirigu, impreciso di testa sugli sviluppi di un angolo di Giordani e Berardino, che sul capovolgimento di fronte si fa respingere la conclusione da Gragnaniello, la gara si addormenta. Il Savoia, in dieci, è costretto a subire l’iniziativa del Melfi che però non si rende mai realmente pericoloso fino alla mezzora quando Tortora, sugli sviluppi di un corner trova il gol della domenica con una conclusione di destro a giro che si insacca all’incrocio dei pali.

PAREGGIO SAVOIA – Nuovamente in svantaggio, e con un uomo in meno, il Savoia sembra dover uscire anche dal ‘Valerio’ a mani vuote. Al 40’, però, uno spunto di Checcucci, che viene atterrato in area da Di Filippo, ‘regala’ al Savoia la chance del pareggio: sul dischetto si presenta ancora Francesco Scarpa che fa 2-2, e poi corre sotto la curva ad “abbracciare” i propri beniamini.

Dopo quattro minuti di recupero, arriva il triplice fischio. Il Savoia, reduce da due 0-3 consecutivi contro Casertana e Messina, si rimette in carreggiata avvicinandosi alla salvezza diretta che, in attesa del match del Martina, ora è a sei lunghezze. Troppo presto per fare bilanci, la strada verso la permanenza in Lega PRO è lunga e ardua e molto, in tal senso, peseranno le scelte di mercato che si attendono per la settimana prossima.

 

MELFI-SAVOIA 2-2 (1-1)

MARCATORI: 25’pt Caturano rig. (M), 35’pt Scarpa rig. (S), 30’st Tortori (S), 41’st Scapa rig. (S).

MELFI(4-3-1-2): Perina; Guerriera, Demarku, Di Filippo, Colella (27’st Agnello); Giacomarro (27’st Annoni), Spezzani, Fella; Berardino (11’st Nappello), Caturano; Tortori. A disp.: Gagliardini, Chiumarulo, Tundo, Libutti. All.: Bitetto

SAVOIA(4-3-3): Gragnaniello; Cremaschi, Checcucci, Sirigu, Verruschi; Gargiulo, Sevieri, Giordani (43’st Panariello); Sanseverino (34’st D’Appolonia), Di Piazza (27’pt Cipriani), Scarpa. A disp.: Santurro, Cuomo, Partipilo, Marasco. All.: Papagni

ARBITRO: Vesprini di Macerata. (Assistenti: Zanella e Vettorel di Latina).

NOTE: presenti circa 1.000 spettatori di cui un centinaio giunti da Torre Annunziata. Ammoniti: Verruschi (S), Sanseverino (S), Giordani (S), Di Filippo (M). Espulsi: 26’pt Sevieri (S) per proteste. Angoli: 7-5 per il Melfi. Recupero: pt 1’, st 4’.


(Nello Sorrentino)

 
CONSIGLIA O LASCIA UN COMMENTO
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi