Savoia-Pomigliano 4-0: i bianchi volano a +6 sull'Akragas.
In rete Del Sorbo, Esposito, Tiscione e Meloni. Al Pastena 3-2 della Battipagliese all'Akragas

 

IL SAVOIA CALA IL POKER E VOLA A +6. DUE RETI PER TEMPO PER I BIANCHI: DEL SORBO ED ESPOSITO LA SBLOCCANO, TISCIONE E MELONI LA CHIUDONO. L'AKRAGAS PERDE A BATTIPAGLIA. AMMONITO SCARPA NEL FINALE, SALTERA' L'AGROPOLI. DOMENICA PROSSIMA C'è LA PAUSA. OSPITE D'ECCEZIONE AL GIRAUD: BOESSO, INDIMENTICATO PORTIERE ANNI '60.

di Nello Sorrentino

Torre Annunziata - Il Savoia cala il poker. Con due reti per tempo i bianchi liquidano senza patemi la pratica Pomigliano e portano a sei le lunghezze di vantaggio sull'Akragas sconfitta al Pastena di Battipaglia per 3-2. Dopo un buon avvio, la gara si addormenta fino alla mezzora. Il Pomigliano è ben schierato in campo ma il "muro" eretto da Seno regge fino al 38' quando Del Sorbo sblocca la gara. Dopo l'1-0 del "bandito" match in discesa per i bianchi che dopo due minuti raddoppiano con Esposito. Nella ripresa gli uomini di Feola controllano agevolmente il risultato, prima di 'ruggire' ancora nel finale triplicando le marcature con Tiscione, poco dopo la mezzora, prima del poker di Meloni, subentrato a Del Sorbo, che chiude definitivamente la partita. Ospiti mai pericolosi, eccezion fatta per qualche conclusione dalla distanza sulle quali Maiellaro si è fatto trovare pronto.
 

LE FORMAZIONI - Senza Petriccuolo e Viglietti, squalificati, Feola si affida a Panariello e Criscuolo. Ancora panchina per Meloni, mentre al centro della difesa da segnalare il ritorno di Terracciano e quello di Gargiulo al fianco di De Liguori, dopo la squalifica che ha costretto entrambi a saltare il match dell'Esseneto. Questi gli undici scelti dal tecnico dei bianchi: Maiellaro, Panariello, Terracciano, Stendardo, Criscuolo, De Liguori, Gargiulo, Scarpa, Esposito, Tiscione, Del Sorbo. Seno, alle prese con diverse assenze, si affida ad un 4-3-1-2 così composto: Di Costanzo, Di Finizio, Varriale, Schioppa, Candrina, De Rosa, Oretti, Parentato, Suriano, Iattarelli, Esposito. 
 

BOESSO - Poco prima dell'inizio del match viene consegnata una targa a Boesso (nella foto), indimenticato portiere degli anni '60 che nella stagione 1964-1965 partecipò ad una fantastica cavalcata culminata con la promozione del Savoia dalla D alla C. Nell'occasione il portierino torrese, originario di Venezia, ottenne uno storico record: 1149 minuti di imbattibilità. Boesso, inoltre, faceva parte di una delle formazioni (66-67) rimasta nei cuori di molti torresi e che in tanti ancora ricordano a memoria: Boesso, Bertossi, Nazzi, Di Mauro, Genisio, Simonaggio, Magagnotti, Santin, Terreri, Carnevale ed Esposito.

 


La targa consegnata a Boesso. FOTO IL CIGNO @RT.
 

PARTENZA AGGRESSIVA - Il Savoia parte bene. Tiscione sulla sua fascia di competenza è imprendibile e già al 7' costringe Iattarella al fallo di ammonizione; alla fine l'esterno torrese farà ammonire tutta la difesa granata. Sulla punizione conseguente, lo stesso Tiscione trova Stendardo in area che di testa, in avvitamento, manda la palla alta sulla traversa. La gara, poi, si addormenta: le squadre si studiano, il Pomigliano si difende con ordine. Dopo la mezzora, però, il Savoia comincia a spingere sull'acceleratore con maggiore insistenza. Al 33' un trasversone di Scarpa trova Tiscione in area ma il colpo di testa del numero sette biancoscudato finisce alto, non lontano dall'incrocio dei pali. Un minuto dopo ennesimo spunto di Tiscione che viene atterrato da Di Finizio: punizione per il Savoia e giallo per il difensore granata. Sulla sfera va Terracciano, ma il suo sinistro a giro colpisce la parte alta della traversa. E' un monologo dei bianchi che ci riprovano al 35' con De Liguori che dopo uno scambio con Tiscione calcia verso la porta difesa da Di Costanzo, ma la conclusione è centrale. 

 

IL GOL DEL 'BANDITO' - Il vantaggio è maturo e arriva al minuto trentotto: l'azione parte dai piedi di Scarpa che serve Panariello, perfetto traversone di quest'ultimo e perfetta deviazione di testa di Del Sorbo che sigla l'1-0. Il Giraud esplode e deve rifarlo poco dopo: al 40', infatti, Esposito raddoppia: è un grandissimo gol quello del numero undici torrese che servito da Del Sorbo si libera di due avversari in un colpo solo con un sombrero e poi con un preciso sinistro batte l'estremo difensore Di Costanzo. Al 45' arriva quella che sarà l'unica conclusione degna di nota degli ospiti: la firma è di Gennaro Esposito che di destro impegna Maiellaro, bravo nella circostanza a bloccare a terra.

 


L'esultanza di Del Sorbo dopo la rete. FOTO IL CIGNO @RT.

 

LA RIPRESA - Nella seconda frazione di gioco, col risultato il ghiaccio, i bianchi si limitano a controllare, almeno nella prima parte. Seno manda in campo Russo al posto di Iattarelli e Romano al posto di Di Finizio, passando ad un più offensivo 4-3-3. La scelta è infelice: il Savoia continua ad attaccare e al 21' potrebbe triplicare con un'azione griffata Torre Annunziata ma il destro di Panariello, servito da Scarpa, si perde a lato alla sinistra di Di Costanzo. Feola getta nella mischia Meloni al posto di Del Sorbo e al 31' gli ospiti restano in dieci per via dell'espulsione di Candrina, ammonito per la seconda volta. Il Savoia ne approfitta e al 32' fa 3-0: cross dalla sinistra dell'ottimo Panariello, spizzata di testa di Meloni e conclusione ravvicinata di Tiscione che non lascia scampo a Di Costanzo. Archiviato il risultato, il Giraud si "concentra" sul Pastena e sul terreno di gioco i bianchi 'avvertono' che l'Akragas sta perdendo a Battipaglia. La concentrazione, però, resta massima e al 37' arriva la quarta rete: preciso cross dalla sinistra di Scarpa e tap-in vincente di Meloni. L'attaccante sardo non segnava dallo scorso novembre, e precisamente dalla tripletta messa a segno contro il Ragusa. Non pago del risultato, il Savoia continua ad attaccare fino al 49': proprio nell'ultimo minuto di recupero arriva il giallo per Francesco Scarpa che chiede troppo insistentemente la concessione di un penalty e viene ammonito. Il capitano dei bianchi salterà la sfida con l'Agropoli. Poco dopo, il triplice fischio. Savoia batte Pomigliano 4-0. 

 


La gioia di Scarpa e Meloni alla rete di quest'ultimo. FOTO IL CIGNO @RT

 

L'ESULTANZA - A fine gara, i calciatori si recano sotto la curva per il solito "rito" del "bianchi alé". Tifosi e giocatori attendono la fine del match del Pastena ed esultano insieme per la sconfitta dei siciliani, prima del consueto coro, divenuto ormai un'abitudine fissa. 

 

SAVOIA 4 (2)
POMIGLIANO 0 (0)

SAVOIA: (4-2-3-1): Maiellaro; Panariello (38'st Mocerino), Terracciano, Stendardo, Criscuolo; De Liguori, Gargiulo; Scarpa, Esposito, Tiscione; Del Sorbo (27'st Meloni). A disp.: Rinaldi, Manzo, Bizzarro, Carotenuto, Arpino, Di Pietro. All. Feola.

POMIGLIANO: (4-3-1-2): Di Costanzo, Di Finizio (25'st Romano), Varriale, Schioppa, Candrina; De Rosa, Oretti, Parentato; Suriano (33'st Cantone); Iattarelli (12'st Russo), Esposito. A disp.: Caliendo, Esposito F., Caiazzo, Pesce, Iodice, Formisano. All. Seno.

ARBITRO: Mazzei di Brindizi.

MARCATORI: 38'pt Del Sorbo, 40'pt Esposito, 32'st Tiscione, 37'st Meloni.

NOTE: presenti circa 3.000 spettatori. Ammoniti: Iattarelli, Di Finizio, Candrina, Parentato, Cantone, Scarpa. Espulsi: 31'st Candrina per doppa ammonizione. Angoli: 4-1 per il Pomigliano. Recupero: 3'pt; 4'st'.


(@RIPRODUZIONE RISERVATA)

 
CONSIGLIA O LASCIA UN COMMENTO
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. OK, chiudi